Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

02

Firenze è città mercantile fin dal Medioevo e quindi vi si trovano un'infinità di mercati piccoli e grandi.

I mercati cittadini sono lo specchio della gente che li frequenta e offrono al visitatore il profumo e i colori tipici di una città; a Firenze vale la pena di visitarne almeno un paio.

mercato cascine cappelliSe a Firenze cercate della buona frutta e verdura, un souvenir da regalare, un pranzo tipico fiorentino il posto giusto è il mercato di San Lorenzo che si svolge nelle vie limitrofe a piazza San Lorenzo e alla basilica omonima. Il mercato consiste di due parti separate: all'aperto con i tipici “barroccini” (così i fiorentini chiamano le bancarelle) che vendono oggetti in pelle, ceramica, carta, oltre a sciarpe, foulard, vestiti, magliette, souvenir. Nel bel mezzo del mercato all'aperto sorge il Mercato Centrale, coperto e completamente dedicato al cibo, posto all'interno di un bell'edificio in ghisa e vetro del 1874, opera dell'architetto Giuseppe Mengoni (il progettista della Galleria Vittorio Emanuele di Milano). Al piano terra ci sono banchi alimentari, mentre al primo piano, dal design moderno e innovativo, ci sono una dozzina di botteghe di “artigiani del gusto” contemporanei dove assaggiare specialità e assistere alla loro preparazione, e poi un ristorante, una pizzeria, un wine bar e una caffetteria con circa 500 posti a sedere.

Per un ambiente ancora più tipico dovete recarvi al mercato di Sant'Ambrogio nel popolare quartiere di Santa Croce. Si tratta di un edificio coperto, squadrato e di dimensioni ridotte rispetto al mercato Centrale, con cui ha in comune lo stesso architetto Mengoni. Su tre lati il mercato conserva un bel loggiato che ospita le bancarelle di frutta, verdura e articoli vari. Vi si respira una tranquilla atmosfera d'altri tempi, con le signore del quartiere che vengono a fare la spesa giornaliera e pochi turisti.

A pochi passi dal mercato di Sant'Ambrogio, su piazza Annigoni, ha trovato una sede temporanea il mercato delle Pulci. La sistemazione di questo mercato è in fase di ripensamento; dove è stato per anni, nella piazza dei Ciompi, campeggia la cinquecentesca Loggia del Pesce, di Giorgio Vasari, proveniente dal Mercato Vecchio dall'area che ora è piazza della Repubblica. Tutte le ultime domeniche del mese ai soliti banchi si aggiungono altre bancarelle nelle vie circostanti.

Tra i mercati più frequentati di Firenze spicca il Mercato Nuovo, meglio conosciuto come mercato del Porcellino dalla celebre statua bronzea raffigurante un cinghiale, ma ribattezzata dai fiorentini con questo appellativo vagamente canzonatorio. Posto sotto una bella loggia cinquecentesca opera di Gian Battista del Tasso il mercato offriva, in origine, stoffe preziose, poi nell' Ottocento cappelli di paglia (da cui la ulteriore denominazione di mercato della Paglia) e ora vende soprattutto articoli di pelletteria, sciarpe e souvenir.




Pubblicato il 22/11/2015

Approfondisci su mappa


Risultati: 5 - Pagina 1 di 1