Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

02

Passeggiando in piazza San Lorenzo a testa in su, si nota un curioso edificio coronato da una cupoletta davanti alla chiesa. Si tratta dell'Osservatorio Ximeniano, istituto scientifico attivo da 250 anni.

motore a scoppioLa sua fondazione risale al 1756 grazie al gesuita Leonardo Ximenes; negli anni l'attività fu continuata dai Padri Scolopi. L'ultimo direttore P. Dino Bravieri appartenente all'Ordine fu un naturalista e uomo di scienza, figura amata da tutta la cittadinanza di Firenze. Si deve a lui la catalogazione della Biblioteca dello Ximenes, l' apertura dell’Osservatorio a molti studiosi, alle scuole e agli insegnanti, organizzando corsi di aggiornamento, visite e conferenze.

L'istituto dopo la morte di Bravieri divenne una Fondazione. Dal 1756 a oggi l' attività è rimasta negli stessi locali ove iniziò, all'ultimo piano del Convento dei Padri Scolopi detto di San Giovannino a Firenze, davanti a San Lorenzo e a Palazzo Medici Riccardi.

Lo Ximeniano si può visitare, il suo percorso espositivo prevede quattro sale:

la Sala Ximenes-Inghirami con strumenti per l'osservazione astronomica e la rilevazione topografica; la Sala Barsanti con macchine e lo straordinario prototipo del motore a scoppio ideato da padre Barsanti e Felice Matteucci.

La Sala Alfani Bravieri prevede strumenti di Padre Guido Alfani, mentre la Sala Cecchi è un vero Gabinetto Sismologico: infatti fra le sue diverse eccellenze disciplinari, l’Osservatorio Ximeniano vanta una delle più antiche tradizioni di osservazione strumentale dei terremoti al mondo, oltre che una fra le più prestigiose.

Questo primato è testimoniato dalla ricca collezione di sismografi, fra i primi al mondo, e dalle migliaia di registrazioni sismiche realizzate dai numerosi strumenti dell’Osservatorio, frutto della straordinaria inventiva di due dei suoi principali protagonisti in questo settore: Filippo Cecchi e Guido Alfani.

Inoltre l'Istituto vanta due ricche biblioteche, in un affascinante percorso dove la storia della sismologia, della cartografia, dell'astronomia, della meteorologia e della radiotecnica si intrecciano alla storia della città di Firenze e della Toscana.

La visita all'Osservatorio Ximeniano è possibile per gruppi organizzati e per scuole di ogni ordine e grado, su appuntamento.

- Durata della visita: circa 1h20min
- Max. 25-30 partecipanti
- Info e prenotazioni: tel. 055 210420 (martedì, mercoledì e venerdì, ore 9.30 -12.30)

www.ximeniano-firenze.it

 

 

Pubblicato il 1/3/2016

Approfondisci su mappa