Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

mugello

Il Cimitero Militare Germanico si trova al Passo della Futa, fra Firenze Bologna. Siamo a oltre 900 metri sul livello del mare, nel territorio del comune di Firenzuola.

cimitero-futaQuesto memoriale è stato inaugurato nel 1969, su un luogo significativo perché collocato esattamente a metà di quella lunga linea di difesa tedesca a oltranza pensata dal Maresciallo Kesselring e chiamata Linea Gotica. Fortificazione difensiva, terra bruciata che correva lungo tutta la dorsale appenninica, dopo la svolta tragica della guerra e lo sbarco alleato.

Gli Appennini furono teatro di giornate terribili, bombardamenti aerei, feroci combattimenti, rappresaglie sulla popolazione civile e non mancarono le stragi; i vincitori della Seconda Guerra Mondiale concessero alla Germania la possibilità di edificare cimiteri nei paesi teatro di guerra solo negli anni ’50 e i numeri in questo caso sono impressionanti: in questo cimitero riposano più di 31.000 militari.
Estremamente rigoroso nella sua funzione di memoria e monito, privo di qualunque retorica guerresca, il più grande cimitero tedesco in Italia ha anche un notevole pregio architettonico.

Progettato con una forma di spirale, pare avvitarsi verso il monumento alla memoria, sormontato dalla simbolica “scheggia”: l'ideatore l’architetto Dieter Oesterlen, la realizzazione si compì fra il 1962 e il 1967.
Per il cimitero presso Firenzuola ci si avvalse della collaborazione dei paesaggisti Walter Rossow ed Ernst Kramer. Per il modo con cui è inserito nel paesaggio circostante, per l’utilizzo della pietra serena, che è tipica delle cave situate presso Firenzuola e che fu lavorata interamente da maestranze locali, il cimitero si pone come un esempio molto significativo di architettura del paesaggio

Il movimento avvolge prati e specchi d’acqua, dove sporgono le lastre tombali di granito, sulle quali sono incisi i nomi dei militari caduti, l’anno di nascita e di leva; spesso però al nome non si è potuto risalire e allora le lastre riportano la semplice dicitura ein unbekannter deutscher Soldat (un soldato tedesco ignoto). Schierate su prati verdissimi le lastre ricordano le ordinate file di un esercito; l'andamento a spirale sale verso il piazzale d’onore e l’edificio che nasconde la cripta con la fossa comune.

Edificato qui, il cimitero attira ogni anno migliaia di visitatori. Sono parenti dei soldati, nipoti, familiari, oltre a commilitoni dei caduti, ormai in età molto avanzata e sempre meno numerosi, anno dopo anno.  Ancora oggi questo luogo terribile ma bello è gestito direttamente in Germania dal Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge, un ente parastatale che si occupa di rintracciare i caduti delle guerre tedesche e di curare tutti i cimiteri tedeschi, sia in Germania che all’estero.

Il cimitero è sulla via Provinciale di Bruscoli, località Passo della Futa; è aperto tutti i giorni, in estate dalle 8 alle 17; in inverno dalle 9 alle 16.

Pubblicato il 22/5/2013

Approfondisci su mappa