Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

certaldo alto

Se siete stanchi delle solite destinazioni turistiche e cercate qualcosa di diverso da visitare, vi proponiamo di trascorrere un pomeriggio a Empoli, magari nel fine settimana, quando buona parte dei monumenti visitabili sono generalmente aperti.


il museo del vetro di empoliEmpoli è una cittadina a circa 30 Km da Firenze, facilmente raggiungibile con i treni che collegano Firenze a Pisa, che sono molto frequenti.
A causa della sua posizione, così vicina alle grandi città d'arte toscane, Empoli non spicca fra le mète più richieste della Toscana, ma guardando con un occhio più attento può offrire una varietà di luoghi di interesse sia per un pubblico adulto che per i più piccoli.
Il centro storico della cittadina è tutto raccolto intorno a Piazza Farinata degli Uberti e a due passi dalla stazione ferroviaria. Nella stessa piazza si trova il gioiello architettonico della Collegiata di Sant'Andrea la cui data di costruzione, il 1093, è riportata nella bellissima facciata in stile romanico fiorentino, unico esempio visibile fuori dalle mura di Firenze. Se la facciata è ancora bellissima con i suoi marmi bianchi e verdi, l'interno ha subìto varie trasformazioni nel corso dei secoli e buona parte delle opere contenute nella chiesa sono adesso esposte all'interno dell'adiacente Museo della Collegiata. Questo museo è un piccolo scrigno che raccoglie opere scultoree come il fonte battesimale attribuito a Bernardo Rossellino e soprattutto pittoriche, come l'affresco capolavoro di Masolino che raffigura il Cristo in pietà, le opere di Lorenzo Monaco, Filippo Lippi e della bottega dei Botticini. La visita termina con le terrecotte invetriate della bottega dei Della Robbia, nella parte superiore del chiostro.
Proprio di fronte alla Collegiata si aprono le porte del Museo Civico di Paleontologia, un luogo che farà felici tutti i bambini, e non solo, in visita ad Empoli. Il museo, in tutto cinque sale disposte su due piani, espone una carrellata di fossili, rocce, pannelli informativi, diorami che ci raccontano la storia del nostro pianeta negli ultimi due miliardi di anni.
Ultima tappa, poco distante, il MUVE Museo del Vetro di Empoli. Questo particolarissimo museo è ospitato nei locali che accoglievano un tempo i magazzini del sale, prezioso alimento proveniente dalle saline di Volterra e distribuito da Empoli attraverso il porto fluviale sull'Arno in tutte le città del Granducato Mediceo. All'interno del MUVE viene raccontata la storia della produzione del famoso vetro verde di Empoli, un'industria economicamente determinante per la cittadina almeno fino agli anni '80 del secolo scorso. Nei locali restaurati dei magazzini sono esposti gli oggetti artistici e raffinati e di uso comune, come i fiaschi impagliati dalle donne locali, le cosiddette "fiascaie". Il tutto corredato da video e ricostruzioni del processo produttivo.
Infine, forse non tutti sanno che Empoli ha dato i natali a due grandi artisti: Jacopo Carucci, noto come Jacopo Pontormo e Ferruccio Busoni. Il primo, grandissimo e tormentato artista vissuto nel Cinquecento, il secondo, compositore e pianista eccelso, la cui fama ha varcato i confini nazionali. Entrambe le dimore sono adesso sedi museali e aperte ai visitatori curiosi o appassionati.
Con una tale ricchezza di attrattive Empoli merita proprio una visita!

 

Pubblicato il 11/1/2017

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping