Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

sant appiano

Greve si sviluppa intorno alla grande piazza completamente circondata da portici, dove si svolgeva il mercato e dove ancora hanno luogo eventi fra cui la Mostra del Chianti Classico.

Quella del Chianti Classico a settembre non è l'unica mostra mercato da ricordare: il lunedì di Pasqua, per esempio, il Mercatino delle cose del passato è l'occasione pe runa gita fuori porta. Coloratissima invece la Festa dei Fiori, nel primo fine settimana di maggio.

piazza di greveCosa fare, poi, a Greve?
In fondo alla piazza, nella Chiesa di Santa Croce, c’è un bel trittico di Bicci di Lorenzo.
Nel Museo di Arte Sacra, aperto all’interno dell’ex convento di San Francesco, si trovano dipinti, sculture e paramenti sacri. 

I dintorni di Greve sono degni di una visita: si può facilmente raggiungere il borgo di Montefioralle, il cui castello è ancora compreso entro l'originale cerchia di mura, su cui domina una poderosa costruzione turrita. Al centro dell'abitato si trova la chiesa di S. Stefano  con splendidi dipinti dal XIII al XV secolo.

Una bella passeggiata conduce alla Pieve di San Cresci, una delle più antiche pievi della diocesi di Fiesole, documentata per la prima volta nel 963. La costruzione originaria è stata modificata da numerosi rifacimenti e conserva solo alcune parti dell'impianto romanico originario.


E poi ci sono i castelli:
Il Castello di Verrazzano ebbe probabilmente origine da un insediamento romano. Appartenuto alla famiglia del grande navigatore Giovanni da Verrazzano, da castello venne poi trasformato in fattoria e villa padronale e dopo il ripristino ottocentesco è tornato al vecchio splendore di edificio turrito, circondato da un bellissimo giardino all'italiana.
Il Castello di Vicchiomaggio fu documentato per la prima volta nell'857, è anche detto Vico de' Lombardi, per ricordare la sua origine longobarda. Della primitiva costruzione rimane solo un'alta torre duecentesca, mentre la restante parte nel Cinquecento venne trasformata in villa, circondata da un piccolo giardino all'italiana.


Pubblicato il 30/3/2018

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping