Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

enogastronomia

La quaresima  è tempo di penitenza, pratica religiosa non molto diffusa, oggi. Comunque nella tradizione fiorentina i dolci di Carnevale spariscono già dal mercoledì delle Ceneri. Ma anche la quaresima ha i suoi dolci, meno ricchi (la penitenza, appunto) ma buonissimi.

quaresimaliquaresimali 1Per esempio i quaresimali, dolcetti esili, leggeri, fatti con albumi d’uovo, cacao, farina e zucchero. Sono facilmente riconoscibili per la forma, che riproduce lettere d’alfabeto e numeri. Difficili da fare in casa (soprattutto difficile dar loro la forma), sono venduti in tutte le pasticcerie della città.

E poi il giovedì santo c'è la tradizione del pan di ramerino, un panino morbido e dolce fatto con pasta di pane, uva sultanina (zibibbo) e rosmarino. Delizioso e profumato, soffice, un tempo veniva benedetto dal prete prima di essere venduto.

Lo si trova in tutti i forni della città.

 

Pubblicato il 24/2/2015

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping